L’Inferno di Dante in foggia islandese

Uno dei vantaggi del lavorare in università, e in particolare nell’istituto Árni Magnússon per gli studi islandesi, è che ci si trova vicini a molti eventi culturali importanti nella vita di questa nazione. Gli islandesi danno un peso molto elevato alla loro cultura e alla loro lingua, e gli accademici che se ne occupano sono…

Conferenziere in Danimarca?

Domenica parto per la Danimarca. Ho ricevuto una borsa da 730€ per coprire le spese di viaggio e passerò una settimana nella cittadina universitaria di Århus, nello Jutland, dove presenterò un mio lavoro di ricerca nell’ambito della conferenza studentesca sul medioevo scandinavo. Un evento consolidato in cui si dà agli studenti e ai dottorandi l’opportunità…

Incontro con Jón Kalman Stefánsson

La settimana scorsa ho avuto l’onore colossale e ineguagliabile di assistere a una conferenza di uno degli scrittori più importanti del mondo contemporaneo: Jón Kalman Stefánsson. Romanziere islandese che scrive usando lo stile della prosa poetica. Alla conferenza erano presenti anche la sua traduttrice, Silvia Cosimini, e l’editrice di Iperborea, Emilia Lodigiani. L’evento si è…

L’importanza di chiamarsi filologo

Una parentesi sul tema delle traduzioni. Non sono un traduttore professionista, ma in virtù della mia pruriennale esposizione ad ambienti monolingui inglesi (incluso l’anno Erasmus in Scozia dove ho potenziato di molto la mia competenza nell’inglese scritto accademico), ho spesso offerto prestazioni come traduttore. In molti casi, la differenza tra una traduzione di servizio e…

Una biblioteca islandese in casa

  Devo ammettere che è passato davvero tanto tempo dall’ultima volta che ho scritto, e me ne rammarico, ma sono successe davvero poche cose degne di nota, per cui non ho mai sentito l’impeto di gettarmi a scrivere. Tuttavia, seppur non costituisca un evento eccezionale, qualcosa di pertinente è successo negli ultimi tempi: ho fatto…

Grammatica norvegese – nuovo formato cartaceo!

Era un po’ che volevo parlarvene, ma ho preferito aspettare che il progetto fosse a buon punto: sono ormai vicino al pubblicare la mia grammatica norvegese anche in cartaceo! Ho ricevuto numerose richieste di persone che non amano troppo il digitale o comunque hanno il feticismo del libro, e ho voluto accontentarle. Cerca che ti…

Mas math mo chluimhne – Reflection of the Gaels

Volevo consigliare un testo che potrebbe far gola sia a chi studia gaelico, sia a chi si interessa della storia e della cultura dei gaeli, intesi come scozzesi che tuttora parlano gaelico. Si tratta di “Reflection of the Gaels”, una raccolta di riflessioni e aneddoti raccontati da attempati signori gaeli sull’input di domande formulate da…

Poesie celtiche 3

     Dato che i miei due post precedenti (Poesie celtiche 1 e 2) sono tra i più letti e ricercati, ho pensato di aggiungere un’altra traduzione di poesie in traduzione italiana prese dalle letterature in lingua celtica. Come sempre, ricordo che non sono un esperto e le mie traduzioni vanno prese con le pinze…

Apologia dell’e-book

Lettore e-book. Sembra quasi una bestemmia. Quanti preconcetti abbiamo? Gli stessi che ha la gente religiosa ad ogni accenno di cambiamento nell’assetto sociale. Questo post sarà un’apologia del lettore e-book, che troppo spesso vedo ingiustamente bistrattato.  Visti i miei viaggi frequenti nel Regno Unito, sono stato spesso in grado di anticipare ondate e tendenze che,…

Tre tesori da aggiungere al forziere

     Ieri mi sono lasciato alle spalle l’esame che più mi preoccupava questo semestre: “Ibsen, Brandes & Strindberg”, un “honours course” (corso del 4° e ultimo anno secondo il sistema dell’università di Edimburgo) che si è rivelato molto interessante ma anche ostico, essendo io al terzo anno di università, e non beneficiando di un…